Follow


venerdì 7 agosto 2020

Vini, come vengono classificati e quali sono i più amati nel mondo

Vini, come vengono classificati e quali sono i più amati nel mondo

Come possono essere classificati i diversi tipi di vino?

I criteri che suddividono i vini in categorie non sono pochi, a cominciare da quelli a portata di mano come colore, gusto e profumo; e per finire con quelli che ci fanno parlare di nobiltà di un vino.

Tuttavia, una bottiglia di vino porta con sé una parte della storia del luogo da cui proviene, alcuni vigneti sono più conosciuti di altri, e per verificare se abbiamo scelto un vino del genere, dobbiamo controllare se sull'etichetta è presente il segno della DOC, denominazione di origine controllata, o IG: indicazione geografica

I vini possono essere rossi, bianchi o rosati. I vini rossi provengono da vitigni come: Merlot, Cabernet Sauvignon, Pinot Nero, Shiraz, Malbec. Il colore di questi vini è preso dalla buccia dell'uva e l'intensità del colore è correlata al momento in cui il mosto è stato a contatto con questa buccia. I vini bianchi provengono da vitigni come: Chardonnay, Riesling, Sauvignon Blanc, e Muscat Ottonel; la vendita vini online provenienti da questi vigneti ha avuto un enorme incremento negli ultimi anni. I vini rosati sono prodotti da vitigni a bacca rossa. Questi vini sono prodotti da mosto che rimane a contatto con la buccia dell'uva per un tempo molto breve, che in effetti conferisce il colore di qualsiasi tipo di vino. Ciò che è degno di nota è che l'uva bianca può essere prodotta anche da vitigni a bacca rossa! Questo nella situazione in cui il mosto ottenuto da uve rosse non rimane a contatto con la buccia dell'uva.

calice di vino rosso

Vino di origine DOC, cosa significa?

I vini di origine controllata sono sempre la scelta degli intenditori e coronano perfettamente un pasto speciale. Quando scegli un tale vino, noterai che l'etichetta contiene informazioni sulla vigna, sulla varietà e sul modo di coltivazione. I vini infatti possono vantarsi della menzione DOC solo dopo l'approvazione e l'ologramma ottenuto dal Ministero dell'Agricoltura, tramite l'Ufficio Nazionale delle Denominazioni di Origine Vini. 

Un vino a denominazione di origine controllata viene ottenuto in aree vitivinicole delimitate, da varietà consigliate per il loro potenziale di produzione di vini di qualità, rispettando una serie di condizioni specifiche per la coltivazione della vite e la lavorazione, l'imbottigliamento e l'etichettatura del vino. 

I vini di origine di origine controllata di qualità DOCC hanno un grado alcolico di almeno l'11,5% e sono suddivisi in vini prodotti da uve raccolte a piena maturità che hanno un contenuto zuccherino di almeno 196 grammi per litro e recano l'etichetta DOCC-CMD e vini prodotti da uve da vendemmia tardiva che hanno un contenuto di zucchero di almeno 220 grammi per litro e sull'etichetta troviamo la notazione DOCC-CT.

I vini prodotti da uve raccolte a nobilitazione hanno un contenuto zuccherino di almeno 240 grammi per litro, e le uve vengono raccolte quando gli acini sono leggermente appassiti e hanno una "muffa nobile". Sull'etichetta di questi vini troviamo la menzione DOCC-CIB.

Vini, come vengono classificati e quali sono i più amati nel mondo

Invecchiamento del vino, come avviene?

La vinificazione avviene in grandi contenitori come botti e vasche, ma anche mediante affinamento in vetro. I vini possono essere apprezzati anche a seconda del tempo di maturazione in botti di rovere, chiamate barique. Questo tipo di maturazione è utilizzato soprattutto per i vini rossi ed è solitamente scritto sull'etichetta della bottiglia di vino. Va detto, tuttavia, che nella raccolta di una cantina potrebbero esserci vini vecchi dello stesso vigneto, di qualità molto diversa, a seconda delle caratteristiche di ogni anno. Anche per questo sono considerati vini da collezione solo quelli prodotti nelle annate migliori per l'uva, non essendo il tempo di maturazione o affinamento nella bottiglia un criterio sufficiente.

Francesca Maria
♥♥♥

SHARE:

Nessun commento

Posta un commento

Grazie per essere passato di qui.

© Breakfast at Tiffany's di Francesca Maria Battilana
Blog Design by pipdig