Follow


I POST PIU' LETTI

mercoledì 2 settembre 2020

Il tartufo, un alimento perfetto per i vegetariani

Acquistare online i prodotti a base di tartufo, è possibile

Sebbene i tartufi siano molto costosi, ci sono molti altri motivi per mangiarlo. 

Per evitare di spendere grosse fortune ma avere comunque il piacere di gustare questo fungo, è possibile acquistare prodotti a base di tartufo quali il patè tartufo bianco composto dal tartufo bianco italiano, olio di arachidi, sale, aroma.

Il tartufo bianco è disponibile per pochi mesi, ma il patè permette di ricreare dei piatti ricercati per tutto l'anno. Ottimi per degli aperitivi con crostini e bruschette, il patè dona profumo e sapore ad ogni ricetta ma attenzione a non abbinare il tartufo a cibi già molto gustosi perché andrebbero ad alterare il gusto del fungo. 

Il paté di tartufo bianco si può acquistare su appositi store, quali larustichellatruffles.com insieme a tutti gli altri prodotti a base di tartufo.

Scheda nutrizionale del tartufo

Sulle proprietà dei tartufi vi sono state sempre idee discordanti; molti ritengono infatti che il tartufo avrebbe solo la funzione di dare un tocco in più ai piatti, senza alcun valore nutritivo. Ma secondo quanto emerso dagli studi condotti recentemente, i tartufi ed i vari tipi di funghi possono portare una grande quantità di benefici per la salute soprattutto ai vegetariani.

Gli esperti dicono che i tartufi hanno un alto apporto proteico e quindi andrebbero integrati nell’alimentazione quotidiana, merito altresì della quantità di aminoacidi in essi contenuti. Per le persone che non consumano grassi e carboidrati, specialmente i soggetti che seguono certe diete, i tartufi sono consigliati poiché sono una fonte notevole di proteine ed una fonte più moderata di carboidrati, rispetto ad altre verdure il tartufo infatti ne ha una porzione inferiore. L'elemento principale dei tartufi e funghi principalmente sono i carboidrati derivati ​​dal glicogeno e dalla chitina o chiamati anche il fungo cellulosa che è un fautore funzionale della parete cellulare fungina. Il tartufo può essere consumato anche da persone che soffrono di diabete grazie al loro basso valore energetico e basso contenuto di grassi. 

Essendo vegetale, il tartufo è l'ideale per chi non può e non vuole consumare troppi grassi. È privo di colesterolo, questo è probabilmente il più grande vantaggio dei tartufi per la salute. 

Per i soggetti predisposti ad ictus o infarto oppure con familiari affetti da disturbi cardiaci, si consiglia un uso periodico di tartufo: privi di colesterolo aiutano a ridurre i livelli di colesterolo totale.

Photo credit House of Caviar and Fine Foods

I tartufi, le zone principali di provenienza

Tecnicamente, i tartufi sono funghi che non hanno steli e vengono solitamente scoperti sotto terra soprattutto in Europa, comprese varie parti di Italia, Francia, Slovenia e Croazia. 

In Asia, alcune varietà si trovano in Cina insieme al Medio Oriente mentre ci sono anche alcune varietà originarie del Nord Africa. La classificazione delle diverse specie di tartufi si basa principalmente su caratteristiche morfologiche quali forma, dimensione, colore, ornamento del peridio, aspetto della trama, odore e sapore.

Le diverse specie vengono identificate in laboratorio attraverso il riconoscimento delle spore o tramite tecniche di analisi biologiche molecolari.

Nel mondo delle specie fungine ne esistono circa 63 che attualmente sono classificate come tuberi; in Italia sono 25, ma solo 9 sono commestibili e 5 sono i più comunemente commercializzati. 

I tartufi commestibili gourmet più frequenti che vengono impiegati in vari ristoranti includono il tartufo nero francese, il tartufo bianco italiano, il tartufo cinese e il tartufo estivo.

SHARE:

sabato 22 agosto 2020

I cibi giusti per combattere la cistite

La cistite è un’infiammazione delle vie urinarie la cui insorgenza è influenzata in parte dalla nostra alimentazione. Nonostante ciò, seguendo una dieta ricca di cibi ad azione antinfiammatoria e diuretica è possibile combatterla.

I cibi giusti per combattere la cistite

Che cos’è la cistite?

La cistite è un’infiammazione delle vie urinarie che colpisce prevalentemente le donne, in particolare il 25-35% delle donne tra i venti e i quarant’anni. E’ caratterizzata da difficoltà nell’emissione delle urine, bruciore e dolore durante la minzione.

Quali sono i cibi indicati contro la cistite

La protezione dell’apparato urinario la si attua già sedendosi a tavola, attraverso un’alimentazione ricca di fibre, frutta e verdura stagione, cereali integrali, con una maggiore preferenza per i cibi ad azione diuretica, per esempio fragole, anguria, ananas, finocchi e cetrioli.

mirtilli

Mirtilli e frutti di bosco

I mirtilli e i frutti di bosco sono tra la frutta per cistite più prescritta in ambito medico.

yogurt

Yogurt e fermenti lattici

Il consumo regolare di yogurt e fermenti lattici aiuta a mantenere attiva la flora batterica intestinale, proteggendola da eventuali infezioni.

Uva ursina

L’uva ursina risulta utile in caso di cistite in quanto esercita un’azione antibatterica a livello delle vie urinarie.

Estratto di semi di pompelmo

L’estratto di semi di pompelmo è ricco di flavonoidi dalla potente azione antivirale, perciò rappresenta un vero antibiotico naturale.

Sedano

Tra le piante particolarmente utili c’è anche il sedano. Si tratta di un vegetale con ottime proprietà depurative che aiuta a ridurre l’infiammazione.

aglio

Aglio e cipolla

Questi 2 ortaggi svolgono una efficace azione anti-batterica e sono considerati tra i migliori cibi per prevenire e curare la cistite.


Pesce fresco

In particolare il pesce azzurro e il salmone per il loro elevato contenuto di acidi grassi polinsaturi Omega-3.

Camomilla

Le sue proprietà antisettiche e lenitive rendono la camomilla un ottimo rimedio della nonna nelle fasi di attacco e prevenzione degli episodi di cistite.

bicchiere di acqua

Altri consigli per combattere la cistite

A fianco della buona tavola non possono mancare alcune abitudini e stili di vita corretti.

Come ad esempio una corretta idratazione, supportata dall’abitudine di bere almeno 1.5 Lt di acqua al giorno, è fondamentale per il trattamento della cistite. In questo modo si diluisce la concentrazione dei batteri responsabili dell’infezione e si contribuisce all’eliminazione degli stessi.

Ottime anche le tisane e gli infusi ad esempio al timo, disinfettante naturale delle vie urinarie. 

Si consiglia poi di utilizzare metodi di cottura semplici come la cottura a vapore, sulla griglia o piastra, in pentola a pressione, in microonde, anziché la frittura o  la cottura in padella.

Oltre all’alimentazione, per combattere la cistite, occorre curare particolarmente l’igiene intima utilizzando detergenti intimi delicati; è consigliato usare solo biancheria in cotone evitando materiali sintetici e pantaloni troppo stretti.

caffè

Gli alimenti da evitare

Alcuni alimenti sono da evitare perché possono irritare ulteriormente il tratto della vescica già infiammato.

Ecco un elenco di cibi da evitare per non acuire i disturbi.

  • caffè e tè
  • superalcolici e alcolici, inclusi vino e birra
  • spezie piccanti (peperoncino, pepe, curry, paprika)
  • latte vaccino (come alternativa c’è il latte di riso)
  • dolci
  • bevande zuccherate
  • cioccolato
  • carboidrati raffinati
  • uova, insaccati
  • pomodori, patate, patate americane, frutta secca e semi oleosi

N.B. Le informazioni contenute nell’articolo sono di carattere generale e non sostituiscono in nessun caso le indicazioni del proprio medico.

Francesca Maria
♥♥♥
SHARE:

lunedì 17 agosto 2020

Pere, proprietà e benefici di un frutto succoso e nutriente

Succosa e saporita, la pera è il frutto dell’albero Pyrus communis, appartenente alla famiglia delle Rosacee. Costituita principalmente da acqua (84%), ha proprietà benefiche davvero ottime che apportano molti benefici al nostro organismo. 

E’ un frutto adatto a tutti, poco calorico e altamente digeribile.

pere

Proprietà e benefici delle pere

La pera è un frutto prelibato conosciuto fin dall’antichità che apporta numerosi benefici al nostro organismo. Ne esistono molte varietà, tutte ottime.

Molte delle sue proprietà nutritive sono presenti nella buccia quindi sarebbe opportuno mangiare il frutto senza sbucciarlo (l’ideale è mangiarla a metà mattina o pomeriggio, lontano dai pasti).

Regolarizza l’intestino

Le pere contengono molte fibre, sia solubili che insolubili, che hanno il potere di accelerare il transito intestinale e di prevenire la stitichezza. Ottima da far mangiare ad anziani e bambini, specie in età di svezzamento.

Rafforza le difese immunitarie

La pera è uno dei cibi amici che aiuta a rafforzare le difese immunitarie.

Valida contro l’anemia

La pera è un ottimo frutto da consumare contro l’anemia. Grazie all’elevato contenuto di sali minerali e in special modo di ferro, viene aumentata la produzione di globuli rossi, migliorando così la circolazione sanguigna.

Riduce il colesterolo

La pera contiene un tipo di fibra alimentare molto efficace per abbassare il colesterolo e di conseguenza la salute del cuore: la lignina.

E’ un ottimo antiossidante

Essendo ricca di vitamina C, polifenoli, acidi fenolici e flavonoidi, la pera è un potente frutto antiossidante che combatte i danni dei radicali liberi, riduce lo stress ossidativo, ha effetti antinfiammatori e protettivi contro il cancro.

La pera è indicata contro il diabete

Il consumo di pere è associato a una migliore sensibilità all’insulina e quindi alla prevenzione e alla cura del diabete di tipo 2.

E’ un frutto energizzante

Questo prezioso frutto ha un elevato potere energizzante immediato dovuto alla presenza di zuccheri (in particolare di fruttosio) e delle vitamine B1 e B2. Questo rende la pera utile nei casi di stanchezza fisica o mentale.

Fa bene alle ossa

Il contenuto di boro delle pere sembra in grado di trattenere il calcio e rinforzare le ossa. Inoltre, il contenuto di calcio e potassio interviene direttamente nella formazione delle ossa ed è, dunque, molto utile per i bambini e per gli anziani.

Benefica per pelle e capelli

La pera ha un buon contenuto di vitamina A, di luteina e zeaxantina che con la loro attività antiossidante aiutano a ridurre gli effetti dell’invecchiamento della pelle e a rallentare la perdita dei capelli, la degenerazione maculare, la cataratta ed altre condizioni legate all’invecchiamento.

La pera è alleata del cervello

Questo frutto contiene una grande quantità di boro, un elemento che aiuta a migliorare la funzionalità del cervello in termini di prontezza di riflessi e memoria

E’ un alimento consigliato in gravidanza

La pera è un frutto generalmente consigliato in gravidanza perché è ricco di folati i quali aiutano a prevenire le malformazioni del feto.

Ha proprietà dimagranti

La pera è un frutto ipocalorico particolarmente indicato nelle diete dimagranti iposodiche, sia per il contenuto di fibra che esercita un effetto saziante e per il fatto di contenere pochissimi grassi e proteine, sia per la presenza di potassio e abbondante acqua che favoriscono la diuresi.

cesto di pere

Controindicazioni delle pere

Nonostante si tratti di un frutto altamente benefico per il corpo, ci sono situazioni in cui può provocare degli spiacevoli effetti collaterali. Anche se in piccolissime dosi, nella pera vi è la presenza di nichel, pertanto è sconsigliata a coloro che soffrono di allergia a questo metallo e a coloro che soffrono di allergia alle betulle.

Inoltre, date le loro proprietà lassative, le pere sono controindicate per chi soffre di diarrea e può diventare un problema se si soffre di disturbi intestinali come colite o sindrome del colon irritabile.

pere

N.B. Le informazioni contenute nell’articolo sono di carattere generale e non sostituiscono in nessun caso le indicazioni del proprio medico.

Francesca Maria
♥♥♥
SHARE:

venerdì 31 luglio 2020

Cosa fare quando il corpo chiede zuccheri

Dessert sani, cosa sono

È noto come i dessert sani non possono mai essere prodotti ultra elaborati, a differenza di ciò che comunemente vengono chiamati dolci industriali. 
Esistono dessert sani e facili da preparare per tutti i gusti: senza uova, senza lattosio, senza glutine, senza zucchero. 
Adatti per persone che seguono una dieta dimagrante ma non vogliono rinunciare ai piaceri della vita. 
Basta dare un’occhiata sul web per scoprire quante alternative ci sono per gustare qualcosa di fresco ma non eccessivamente zuccherato; ad esempio sul sito www.pernigottigelatieri.com vi è una vasta scelta di ingredienti utili per preparare dei gustosi dolci con materie prime pregiate, dai gelati alla pasticceria sino ad arrivare alle granite, molto richieste soprattutto durante il periodo estivo.

Dolci Fit, alcuni esempi

Il budino alla banana senza latte e senza zucchero è un dolce che richiede pochi ingredienti, quali banane mature, un paio di uova, tre cucchiai di farina d'avena, un cucchiaio di sciroppo d'agave e 75 grammi di ribes. Dall’insieme di questi ingredienti si ottiene un composto da riporre nel frigo e gustare solo qualche ora dopo, in attesa che si solidifichi del tutto.
Se si vuole qualcosa di fresco, un passa bocca pomeridiano o un fine pasto gustoso ma sano la scelta ideale è il gelato al cioccolato, senza zucchero e senza lattosio. Anche in questo caso, occorrono banane mature, un cucchiaio di sciroppo d'agave, quattro cucchiai di cacao non zuccherato e quattro cucchiai di latte di soia. 
Per avere un plus di dolcezza – ma senza sgarrare – si può servire con marmellata di frutta e con alcune scaglie di noci o mandorle, ideali soprattutto per chi pratica sport.
Per preparare uno yogurt di soia semifreddo senza lattosio occorre separare i tuorli dagli albumi delle uova. 
Dividere il composto in quattro stampi e via nel congelatore per 3 ore. Sbucciare i cachi e tagliarli a cubetti, sbucciare il melograno, rimuovendo i grani. Sformare i semifreddi nei singoli piatti e condirli con fiocchi d'avena e frutta e infine cospargere con il miele rimasto, per poi servire.
Insomma, è davvero facile preparare dessert sani con ingredienti semplici da trovare in modo molto veloce. 

Il segreto sta nelle giuste porzioni

La richiesta di dolci è continua. Spesso dopo pranzo o cena si ha voglia di mangiare un dessert, il tutto sarebbe normale se non fosse che alcune persone hanno un "bisogno" di mangiare qualcosa che contenga zucchero. 
Se non lo fanno, non si sentono bene, al punto che una mancanza di zucchero finisce per interferire con l'umore e le normali attività della vita quotidiana.
Il pancreas è l'organo che produce l'ormone responsabile dell'inserimento del glucosio nella cellula: l'insulina. L'insulina apre la porta al glucosio, allo zucchero introdotto con alimenti. Quando il corpo percepisce che il glucosio nel sangue è aumentato, rilascia l’insulina che mette il glucosio all'interno delle cellule.  
Maggiore è la quantità di zucchero ingerita, maggiore è la quantità di insulina prodotta. 
Ed è esattamente qui il problema; quando il sangue rimane con molta insulina e poco glucosio, provoca l’ipoglicemia, che si manifesta in misura maggiore o minore con i sintomi di sudorazione fredda, vertigini, tachicardia e persino svenimento.
Sicuramente i dessert FIT sono un’alternativa sana e gustosa alla richiesta di dolci, ideali anche per chi non può farne un consumo eccessivo. 
Ridurre bruscamente il consumo di zucchero non è la soluzione, ma ridurre progressivamente la quantità di zucchero consumata al giorno è una valida alternativa. 

Francesca Maria
♥♥♥
SHARE:

giovedì 9 luglio 2020

Le farine: usi e proprietà

Chi ama preparare dolci e panificati fatti in casa, sa che uno degli alimenti principali che non può mancare nella preparazione degli impasti è la farina.
Sul mercato se ne trovano di tantissime varietà ed è per questo motivo che è bene imparare a conoscere quali tipologie di farine sono più adatte per una determinata preparazione e quali per un'altra.

Le farine: usi e proprietà

La scelta è vasta. Ne esistono di integrali, di raffinate, gluten-free. 
Ma facciamo un po’ di chiarezza e vediamo insieme i vari tipi di farina e le caratteristiche di ognuna.

La farina 00

La farina 00 è la farina ricavata dalla macinatura della parte più interna del seme del grano ed è quella più comune e più utilizzata per la preparazione di dolci, biscotti, pasta e pane. 
E’ la farina più bianca che ha quasi esclusivamente amido e proteine, mentre non contiene né semola né crusca.
E’ povera di sali minerali, vitamine e fibre e non adatta ai celiaci, adatta per la realizzazione di pasta fresca o pasta all'uovo, dolci, besciamella.

La farina 0 

E’ la farina di prima scelta, meno raffinata rispetto alla 00 e quella che nei paesi anglosassoni viene chiamata all-purpose flour. Contiene molto amido e poche proteine, ha più glutine rispetto alla farina 00. Si usa per la preparazione di dolci rustici e soprattutto per la pasta frolla, pizza e pane.

farina e altri ingredienti per fare dolci

Le farine 1 e 2

Si tratta di farine semi-integrali, meno bianche perché più ricche di crusca. Presentano ottime caratteristiche nutrizionali ed effetti più benefici sul sistema intestinale rispetto alla farina 00. La farina di tipo 1 viene usata per fare il pane, la pizza o le focacce, mentre la farina 2 è ottima per fare i dolci e i prodotti da forno salati.

La farina integrale

Questa farina ha un grado di raffinazione è inferiore rispetto alle farine 0 e 00 ed è più digeribile come farina e più completa a livello nutrizionale. Ha un colorito più scuro per via della crusca in essa contenuta e quindi più ricca di fibre.

La farina manitoba

Viene anche chiamata farina americana perché originaria del Canada. 
E' ad alto contenuto proteico, ideale per prodotti da che devono lievitare tanto come panettoni, pizze, baguette, bignè, croissant.

La farina di riso

E' la farina che si ottiene dalla macinatura dei chicchi di riso; ha un alto valore nutritivo e tutte le proprietà del riso, oltre che un sapore delicato. 
Non contiene glutine pertanto è una delle farine adatte ai celiaci
Si usa per realizzare pane, crackers, grissini, biscotti ed è una delle farine più usate nella cucina orientale.

La farina di grano saraceno

Ha un gusto amarognolo rispetto alle farine classiche. Nonostante il nome, in realtà la farina di grano saraceno non deriva da un cereale, bensì da una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Poligonacee.
E' ottima per chi soffre di diabete e colesterolo alto ed essendo naturalmente priva di glutine è adatta anche a chi soffre di celiachia.

Le farine: usi e proprietà

La farina di Kamut

E' un grano duro che assomiglia al semolino che rispetto al classico grano è più ricco di proteine, minerali, di magnesio, selenio, zinco e lipidi. Non è adatto ai celiaci perché contiene glutine ma risulta più digeribile e più adatto agli sportivi, donne, bambini e anziani e costa di più delle altre farine di grano.

La farina di patate

Detta anche fecola di patate, la farina di patate è l’amido estratto dai tuberi della patata. 
Questo prodotto viene utilizzata per rendere soffici dolci e torte.

Le farine: usi e proprietà

La maizena

E’ una polvere bianca finissima conosciuta anche come amido di mais che si ottiene macinando l’endosperma del mais. E’ un ingrediente costituito principalmente da amido, usato per rendere più soffici i dolci o come addensante.

La farina di castagne

E’ la farina prodotta dalla macinatura delle castagne essiccate. Ha un colorito nocciola e un sapore dolciastro (viene anche chiamata farina dolce), non contiene glutine ed è ricca di proteine, fibre e vitamine. Si tratta di una farina che viene usata ancora poco in cucina nonostante sia ottima da usare per preparare pane, ricette salate e dolci.

La farina di farro

Si tratta di una farina non è adatta ai celiaci ma al contrario lo è per chi fa fatica a digerire prodotti fatti con farine di grano duro e tenero.
E' una farina poco calorica ma nutriente, ricca di proteine (è leggermente più proteica del frumento) e di vitamine.

Francesca Maria
♥♥♥
SHARE:

sabato 23 maggio 2020

5 errori da non commettere per l'alimentazione d'estate

L'estate è un periodo in cui molte persone cadono preda del caldo crescente che può portare ad una serie di problemi.
I problemi di salute estivi possono essere benigni come mal di testa e nausea o gravi come un colpo di calore, disidratazione, costipazione e diarrea.
Per questo motivo si consiglia alle persone di prendersi cura della propria salute, soprattutto attraverso la dieta e la forma fisica.
La dieta, in particolare, può aggravare o alleviare i problemi di salute durante l'estate.


Quello che mangi è fondamentale per la salute della mente e del corpo e per mantenere alto il livello di energia durante le lunghe giornate estive.
Ma non sono in molti a rendersi conto di quanto sia importante l'alimentazione durante l'estate.
Le esigenze nutrizionali del nostro corpo sono diverse per ogni stagione, e per l'estate devi fare in modo di includere nella tua dieta quotidiana cibi leggeri e facili da digerire.
Inoltre, questi alimenti e bevande devono essere in grado di proteggerti dalla disidratazione, oltre a mantenere livelli ottimali di energia.


Secondo Alessandro Cettul, esperto di integratori naturali, l'utilizzo di un multivitaminico con la giusta dose di vitamine e minerali è ancora più importante durante la stagione estiva.
Questo perché il corpo, sudando, perde molti elementi utili al nostro organismo, che se non reintegrati possono portare a una minor energia.

Se ti ammali più spesso durante l'estate, ecco un utile elenco di errori alimentari che potresti commettere.

Bere acqua troppo fredda

Siamo stati tutti rimproverati dagli anziani e dai genitori per aver preso quella bottiglia d'acqua fredda, subito dopo essere arrivati a casa dopo una giornata al sole.
Queste preoccupazioni sono motivate.
Bere acqua fredda dopo una giornata al sole può scioccare l'organismo e causare mal di gola e problemi digestivi.

Bere troppa caffeina

La caffeina ti disidrata a causa della sua proprietà diuretica. Quindi bere troppo caffè o tè durante l'estate può farti venire il mal di testa e farti sentire disidratato.
Tuttavia d'estate è anche possibile avere problemi di pressione bassa a causa del caldo afoso e la caffeina può venirci in aiuto.
Ma la moderazione è sempre la chiave in queste situazioni.
Ad ogni modo è preferibile assumere della liquirizia piuttosto che bere diversi caffè.

Bere troppe bevande zuccherate

La maggior parte dei succhi di frutta confezionati e delle bevande fredde contengono quantità eccessive di zucchero, che possono aumentare temporaneamente la tua energia, ma possono provocare un crollo energetico dopo pochi giorni.
Quindi lascia perdere le calorie liquide fredde e bevi solo succhi di frutta freschi con zuccheri naturali.

Seguire diete improvvisate

Molte persone sentono un'intensa pressione a praticare sport durante l'estate per rimediare a ciò che non si è fatto durante il resto dell'anno.
Molte persone parlano di "prova costume" e di dimagrimento per l'estate.
Questo può spingere a seguire diete che vanno di moda in quel momento che hanno credenziali dubbie ma che promettono "risultati rapidi".
Queste diete possono portare a pigrizia, mal di testa, nausea e diarrea.
Bisogna cercare di evitare queste diete e mangiare sano per sentirsi più energici e freschi.

Evitare uova, pesce e pollo

C'è l'idea errata che le uova, il pesce e il pollo generino un calore eccessivo nel corpo e, quindi, devono essere evitati durante l'estate. Questo non è vero.
Tutti e tre gli alimenti sono ricchi di proteine magre, il che è importante anche per mantenere un peso sano durante l'estate.
Si potrebbe, tuttavia, voler ridurre le porzioni di carni più grasse come la carne di manzo e di maiale durante l'estate.

Le abitudini alimentari sane

Come abbiamo visto, spesso si pensa che basta aumentare gli zuccheri per ritrovare l'energia, ma in realtà è solo una scorciatoia.
Il nostro corpo, oltre ad essere idratato, ha bisogno di vitamine, minerali e i macronutrienti come carboidrati, proteine e grassi, per svolgere al meglio il suo lavoro.
Non importa quali siano le tue aspettative per l'estate, è importante costruire abitudini alimentari sane per una mente sveglia e vigile e un corpo in salute.


Francesca Maria
♥♥♥
SHARE:

venerdì 27 marzo 2020

3 ricette low carb per fare colazione


Pensi sia impossibile iniziare la giornata con la giusta carica di energia facendo una colazione low carb (con pochi carboidrati per intenderci)?
Scommetto che finito di leggere questo articolo cambierai idee o comunque avrai delle valide motivazioni per iniziare a farlo.

3 ricette low carb per fare colazione



È vero, di regola sono proprio i carboidrati a dare energia al nostro organismo e quindi la giusta carica energetica per affrontare tutte le sfide che un'intera giornata ci riserva.
Tuttavia è un grave errore sottovalutare il potere delle proteine e le grandi opportunità energetiche offerte da una colazione povera di carboidrati.
Come capirai meglio a breve, un pasto con un basso apporto di carboidrati al mattino, ben bilanciato da proteine e vitamine, porta con sé tantissimi benefici sulla tua salute.
Prima di scoprire alcune ricette low carb sfiziose e super nutrienti, è bene che tu comprenda quali sono, nello specifico, tutti i benefici per l'organismo offerti da una colazione a basso contenuto di carboidrati.

Quali sono i benefici di una colazione low carb

La colazione non dovrebbe mai essere saltata perché, la mattina, il nostro organismo riesce a convertire con maggior facilità gli alimenti in energia da poter sfruttare a pieno nel corso della giornata. Tuttavia una colazione low carb agisce direttamente sul metabolismo basale aiutandoci a placare il senso di fame con maggior facilità e ad eliminare quella fastidiosa sensazione di appesantimento e stanchezza che può rovinarci la giornata sin dall'inizio.
Se ti stai chiedendo in che modo l'organismo riesce a trasformare con maggior facilità gli alimenti in energia al mattino, sappi che è tutto merito del cortisolo, un ormone che converte i cibi proteici in zuccheri, che ci permettono di mantenere alti i livelli di concentrazione.
Inoltre c'è un ulteriore aspetto da considerare.
Una colazione proteica ed a basso contenuto di carboidrati, riesce ad attutire il classico desiderio di dolci che avverti al mattino. In questo modo è più semplice evitare di consumare cibi ad alto contenuto di carboidrati e zuccheri e l'indice glicemico varierà in aumento di pochissimo.
Ciò è collegato al fatto che quando, al contrario, l'indice glicemico scende in modo repentino, genera i classici attacchi di fame. Una colazione a basso contenuto di carboidrati quindi aumenta il senso di sazietà e ci aiuta a limitarci quando siamo seduti a tavola.

Inoltre il giusto apporto di proteine permette di preservare la massa muscolare e restare in forma aiutandoti a ridurre la massa grassa.

Ecco quindi spiegati i motivi che rendono una colazione low carb davvero preziosa per mantenersi in forma in modo naturale e sfruttando i preziosi meccanismi del nostro organismo.
A questo punto, è arrivato il momento di scoprire alcune ricette ed idee per preparare una colazione low carb davvero perfetta.

3 ricette low carb per fare colazione

Le migliori ricette per una colazione a basso contenuto di carboidrati

Dopo aver compreso che una colazione low carb è in grado di fornirti tutte le energie necessarie per affrontare al meglio la giornata ed evitare attacchi di fame, ecco di seguito alcune semplici ricette per preparare una colazione povera di carboidrati ma gustosa e nutriente.

Pancake proteici low carb

Un'idea gustosa e semplice da realizzare è quella dei pancake proteici, che puoi preparare utilizzando albume, farina d'avena e yogurt.

Per la farcitura puoi davvero sbizzarrirti.
Lo sciroppo d'acero non dovrebbe mai mancare per non discostarsi dalla tradizione ma puoi aggiungere anche della frutta di stagione oppure un pizzico di miele o della marmellata biologica.

Pancake proteici low carb

Torta proteica al doppio cioccolato

Altra idea gustosa per una colazione a basso contenuto di carb, che può non farti rimpiangere un dolce ricco di zuccheri, è la torta proteica al doppio cioccolato.
Ricorda di utilizzare del cacao amaro e la farina di mandorle. Sul web trovi tantissime ricette interessanti per preparare una torta proteica gustosa e sana.

Torta proteica al doppio cioccolato

Uova strapazzate con funghi e pomodori

Se ti piace rimanere sul classico, delle belle uova strapazzate accompagnate con funghi e pomodori rappresentano un'idea fresca e genuina per iniziare la giornata con il piede giusto. Considera che le uova, oltre a possedere un alto contenuto di proteine, sono in grado di offrirti anche una grande varietà di vitamine.
In alternative alle uova strapazzate potresti prepararle al tegamino oppure alla coque.

Uova strapazzate con funghi e pomodori

Se anche tu vuoi rimanere aggiornata su ricette interessanti e naturali puoi seguire il sito di Moringa-Italia. Si tratta un sito che viene aggiornato spesso con consigli su benessere, nutrizione, salute, tutto per stare in forma con il nostro organismo.

Francesca Maria
♥♥♥
SHARE:

mercoledì 25 marzo 2020

Idee regalo per gli appassionati di sport e fitness: la mia selezione 2020 da comprare online


Ecco una selezione di idee regalo da fare a chi è appassionato di sport e fitness.
Dalla palestra al tennis, dal nuoto allo yoga fino alla passione per le corse, ecco qualche spunto se non sai cosa regalare ad un amico o ad un conoscente appassionati di sport e fitness in generale.


Se si sta per avvicinare il compleanno di una vostra amica o del vostro fidanzato e non avete idee che vi frullano per la testa, con questi spunti facilmente acquistabili dal web, andrete certamente sul sicuro! Parole d’ordine: praticità, originalità e divertimento.

Idea regalo low cost per chi pratica palestra

Qualsiasi fanatico della palestra sa che rimuovere i cattivi odori dai vestiti, dalle scarpe e dal borsone non è così immediato. Un’idea regalo moderna e sicuramente apprezzata da chi frequenta assiduamente la palestra è lo Sport Spray di The Laundress.
Si tratta di una miscela da spruzzare con proprietà antibatteriche che rinfresca l’abbigliamento e l’attrezzatura sportiva lasciando un gradevolissimo profumo di arancio, verdure a foglia verde, rosa, eucalipto, gelsomino e muschio.
Prezzo euro 9,21 su thelaundress.com.


Per gli amanti delle auto e dei motori

Se vuoi stupire un amico o un parente che ama le corse, il rombo dei motori e la Rossa fiammante per antonomasia, regala un’esperienza adrenalinica di guida su pista a bordo della Ferrari.
Fallo con Smartbox e scegli il cofanetto regalo tra quelli proposti sul sito per far vivere l’emozione di sfrecciare a bordo di un’iconica testa rossa Ferrari e a dispetto di quello che si possa pensare, si tratta di un regalo accessibile e facile da fare online.
Per un’esperienza al volante davvero tosta e impareggiabile, scegli uno degli autodromi italiani più famosi al mondo e guida una Ferrari a Monza per provare il brivido di essere un vero pilota per un giorno.

Per gli appassionati di calcio

Niente di fuori dal comune. Sul web si trovano un sacco di cose che riguardano il pallone, ma io vado sul sicuro. Un super tifoso di calcio di certo apprezzerà come regalo il biglietto per andare a vedere allo stadio il derby o la finale della propria squadra del cuore.
Chi ama il calcio tifa per una sola e unica squadra, ma su una cosa tutti gli appassionati del pallone concordano: regalami l’abbonamento per guardare le partite in tv della mia squadra del cuore e sarò l’uomo più felice sulla Terra.
Due idee regalo che faranno la felicità di chi ama lo sport più popolare al mondo.

Idea regalo per chi ama il tennis

Per chi ama il tennis e magari è pure goloso, l’idea perfetta è senz’altro regalare delle palline da tennis. Non Head, né tantomeno Wilson. Ma palline fatte di vero cioccolato con al centro un marshmallow e uno strato esterno di cioccolato bianco colorato di giallo all'interno di una scatola di latta proprio come le vere palline da gioco.
Idea originale per i tennisti più ghiotti e ad un ottimo costo.
Un regalo che appaga il corpo e il palato. Super adorabile!
Prezzo euro 13,86 su Etsy.com

Per chi ama correre all'aperto

Se sei alla ricerca di un’idea regalo per un amico podista e non vuoi spendere cifre astronomiche, le cuffie wireless, sebbene non siano certamente il regalo sportivo più originale, sicuramente sono utili e un'idea hi-tech molto gradita.
Soprattutto per chi corre spesso da solo, le cuffie senza fili piccole e compatte permettono di ascoltare la musica durante gli allenamenti, non annoiarsi e correre mantenendo il buonumore.

Per chi ama il basket

Se devi fare un regalo ad un appassionato di pallacanestro - e magari anche perennemente attaccato al pc - e cerchi qualcosa di economico ma pur sempre funzionale, scegli la chiavetta USB a forma di palla da basket.

Idea regalo per chi fa yoga

Potrebbe anche sembrare banale come regalo, ma in realtà regalare una tazza è sempre un’idea azzeccata. E per chi ama la pratica dello yoga, la yoga mug sembra creata appositamente per loro: una graziosa tazza da caffè con dipinte le posizioni di yoga più comuni.
Un regalo yogico da fare a chi pratica yoga e magari è anche un amante delle bevande calde.
Gli farà un sacco piacere e diventerà la sua tazza preferita!




Francesca Maria
♥♥♥
SHARE:

domenica 23 febbraio 2020

Kiwi: proprietà, benefici e controindicazioni

Il kiwi è un frutto dalla stagionalità invernale con tantissimi benefici, povero di calorie, dissetante, leggero e ricchissimo di vitamina C.
Originario della Cina, il kiwi viene successivamente esportato in Nuova Zelanda e da lì inizia la conquista dei mercati mondiali. Ad oggi questo frutto è esportato ovunque ed è proprio il nostro Paese uno dei principali produttori al mondo, con particolare riferimento alle regioni del Piemonte e del Lazio.

Kiwi: proprietà, benefici e controindicazioni

Ecco alcuni dei motivi per cui mangiare questo frutto esotico fa così bene.

Le preziose proprietà e i benefici del kiwi

Il kiwi è un frutto esotico eccezionale molto amato che apporta tanti benefici al nostro organismo. E’ un frutto che piace non solo per il sapore particolare, ma soprattutto per le numerose proprietà benefiche e il basso apporto calorico.
E’ un alleato della linea e del buon funzionamento del sistema immunitario, uno tra i vegetali più ricchi di fibra.

Utile contro la stipsi

Essendo ricco di fibre, il kiwi è utilizzato come rimedio naturale contro la stipsi.

Ottimo per combattere l’anemia

Le vitamine B9 e C contenute nel kiwi sono fondamentali per aumentare l'assorbimento di ferro, aiutando così chi soffre di anemia.

Kiwi: proprietà, benefici e controindicazioni

E’ utile in gravidanza

Il kiwi contiene acido folico utile alle donne in gravidanza perché indispensabile per la formazione del bambino aiutando a ridurre il rischio di eventuali malformazioni.

Ha proprietà dimagranti

Contenendo solo 44 calorie circa per 100 grammi di prodotto, il kiwi può aiutare anche chi è a dieta a mantenersi in forma, ma è anche validissimo nelle diete sportive.
Il contenuto di potassio rende il kiwi ideale per combattere gonfiori e cellulite.

Kiwi: proprietà, benefici e controindicazioni

E’ un alimento utile contro la stanchezza

Grazie ai sali minerali come fosforo, calcio e potassio, il kiwi è in grado di aumentare l'energia stimolando il sistema nervoso e aiutando l'organismo a combattere stanchezza e spossatezza.

Combatte i malanni di stagione

L’alto livello di vitamina C dei kiwi, stimolando la formazione degli anticorpi, aiuta a proteggere dalle infezioni e dai malanni di stagione come influenza e raffreddore.

Benefici sulla pelle e sui capelli

Grazie all’elevata concentrazione di vitamina C, il kiwi svolge un ruolo essenziale nella formazione del collagene, il principale sistema di supporto della pelle; aiuta a combattere i danni della pelle causati dall’esposizione solare e dall’inquinamento, distende e purifica la pelle, attenua le rughe e migliora la struttura generale della pelle.
Inoltre fortifica i capelli agendo sulla cheratina.
Ecco perché spesso viene utilizzato come ingrediente per la realizzazione di maschere fai da te o nella preparazione di cosmetici.

Kiwi: proprietà, benefici e controindicazioni

Combatte l’osteoporosi

Il kiwi, grazie al contenuto di calcio e fosforo, protegge e rinforza le ossa aiutando a prevenire e combattere l'osteoporosi.

Abbassa il colesterolo e regola la pressione

Il kiwi tiene sotto controllo il colesterolo cattivo prevenendo anche tutte le patologie di tipo cardiovascolare.
Inoltre, soprattutto grazie al potassio che aiuta a combattere l’ipertensione, è in grado di regolare la pressione del sangue.

I kiwi sono ricchi di antiossidanti

I kiwi sono ricchi di una quantità impressionante di vitamina C, molto maggiore rispetto agli agrumi, garantendo a questi frutti ottime proprietà antiossidanti, ideali contro i radicali liberi.

Le controindicazioni del kiwi

Il kiwi non ha grosse controindicazioni, tuttavia un abuso può avere effetti indesiderati lassativi (quindi è meglio non mangiare più di 2 o 3 al giorno). Inoltre, alcune persone possono esserne allergiche oppure possono causar loro mal di stomaco o irritazione del cavo orale con pizzicore e fastidioso bruciore.
Il kiwi non è consigliato durante l'allattamento soprattutto se ci sono casi di allergia al frutto in famiglia, per evitare problemi al bambino.

Kiwi: proprietà, benefici e controindicazioni

Come sapere se il kiwi è maturo e pronto da mangiare?

Per capire se il kiwi è maturo, dolce e succoso al punto giusto, verificate che sia leggermente morbido al tocco ma comunque sodo (se è troppo morbido significa che è eccessivamente maturo), che non abbia macchie e non ci siano zone di polpa cedevole.

Se per caso risulta eccessivamente duro, potete comunque accelerare il processo di maturazione del frutto mettendolo accanto ad altra frutta come mele e banane, a temperatura ambiente e lontano da fonti di calore.

Francesca Maria
♥♥♥

SHARE:

mercoledì 19 febbraio 2020

Alimenti contro la stitichezza: quali sono i cibi utili e quali sono da evitare

La stitichezza è una patologia in aumento in tutto il mondo a causa dello stile di vita e dell’alimentazione spesso scorretta e inadeguata.
Colpisce circa 13 milioni di italiani: 9 milioni di donne e quasi 4 di uomini di qualsiasi età.
Le cause possono essere diverse, ma alla base di questo disagio c’è molto spesso una dieta sbagliata.

Alimenti contro la stitichezza: quali sono i cibi utili e quali sono da evitare

I cibi da evitare

Le cause di questo disturbo sono tantissime ma spesso la stitichezza è causata da scorrette abitudini alimentari, da carenze nutrizionali, da uno stile di vita troppo sedentario e anche dallo stress.
Infatti ci sono cibi che possono contribuire al disturbo, che risultano essere irritanti per stomaco e intestino e che quindi è meglio evitare.
Ecco cosa è meglio non mangiare per avere un intestino regolare.

Cioccolato

Nell'elenco dei cibi da evitare in caso di stitichezza c’è anche un alimento molto amato: il cioccolato e specialmente quello al latte. Questo alimento, a causa dei tannini che hanno un effetto astringente sul nostro intestino, rientra tra i cibi da evitare in caso di stipsi (fa eccezione il cioccolato fondente che, grazie al magnesio, può contrariamente avere un effetto benefico).

Alimenti contro la stitichezza: quali sono i cibi utili e quali sono da evitare

Latte e latticini

Latte intero, panna, burro e formaggi grassi sono dichiarati nemici dell’intestino pigro per via del contenuto di grassi e calcio che lo rallentano.

Bevande zuccherate e gassate e alcol

Bevande zuccherate e gassate sono controindicate in caso di stitichezza, perché creano gonfiore e irritano le pareti intestinali. Anche il consumo eccessivo di alcol causa il deterioramento delle pareti intestinali e ostacola l’assimilazione di nutrienti, vitamine e sali minerali, necessari per il corretto funzionamento dell’organismo.

Salumi e carni grasse

I salumi e le carni grasse sono alimenti noti per creare difficoltà di digestione e, di conseguenza, di evacuazione. Questo a causa della presenza di alcuni componenti quali grassi, sale, additivi e conservanti, che contribuiscono a impigrire l’intestino.

Quali sono gli alimenti utili contro la stitichezza?

Esistono alcuni cibi che favoriscono l'attività intestinale e i movimenti peristaltici più di altri.
Ecco perché è utile conoscere gli alimenti giusti contro la stipsi, disturbo assai comune tanto che quasi tutti ne soffrono.

Acqua

Lo sapete che la disidratazione è una delle cause principali della stipsi? E’ molto importante idratare il corpo per fornire all’intestino la quantità d’acqua necessaria alla lavorazione e allo smaltimento degli alimenti.
Via libera dunque all’assunzione giornaliera di un litro e mezzo o due di acqua, meglio se naturale.

Alimenti contro la stitichezza: quali sono i cibi utili e quali sono da evitare

Yogurt

Lo yogurt è un ottimo alleato contro la stitichezza grazie al suo contenuto di fermenti lattici. Questi contribuiscono a mantenere in equilibrio la flora batterica e, di conseguenza, a regolarizzare il transito intestinale.

Riso integrale

Le fibre del riso integrale aiutano l’intestino a lavorare bene, combattono la stipsi e sono ricchissime di minerali e vitamine importantissime per il corpo. Tenete presente che il riso integrale è più sano rispetto a quello bianco perché è più ricco di vitamina B, ferro, manganese, fibre e acidi grassi.

Prugne secche

E’ l’altissima concentrazione di fibre insolubili che fa delle prugne secche uno degli alimenti dotati del maggior potere lassativo. Pensate che una sola prugna contiene un grammo di fibre, un valore altissimo per un frutto così piccolo. Quindi in quei giorni dove il disturbo si fa sentire,  mangiate tre o quattro prugne secche al giorno come spuntino di metà mattina o di metà pomeriggio.

Alimenti contro la stitichezza: quali sono i cibi utili e quali sono da evitare

Verdure

Optate per spinaci, zucchine, broccoli, cavolfiori, bietole, cavolini di Bruxelles, fagiolini, barbabietole, melanzane e carciofi da consumare lessati o al vapore.
Un’alternativa consigliata per contrastare la stitichezza sono anche i minestroni, le vellutate e i passati di verdure, conditi con un cucchiaino di olio extravergine d’oliva.

Frutta secca

L’intestino pigro può essere sollecitato in modo efficace dalla frutta secca in guscio che contiene un alto numero di fibre. Noci, nocciole e mandorle sono l’ideale per contrastare la stitichezza.

Alimenti contro la stitichezza: quali sono i cibi utili e quali sono da evitare

Arance

Le arance sono ricchissime di fibre e di liquidi e agiscono positivamente in caso di stitichezza, al contrario dei limoni che sono considerati cibi astringenti.

Alimenti contro la stitichezza: quali sono i cibi utili e quali sono da evitare

Kiwi

Il kiwi è un frutto prezioso che, oltre ad esser una eccellente fonte di vitamina C, ha un elevato contenuto di fibre e per questo è un valido aiuto per migliorare la funzionalità intestinale grazie ad un enzima chiamato actinidina.

Legumi

Tutti i legumi e in particolare modo i fagioli, grazie all’elevato contenuto di fibre alimentari, aiutano la regolarità intestinale.

Olio extravergine di oliva

Un cucchiaio a digiuno di olio extravergine di oliva è di grande aiuto per l’intestino in difficoltà, oltre a contenere antiossidanti e grassi “buoni”.

Alimenti contro la stitichezza: quali sono i cibi utili e quali sono da evitare

Altre regole anti stipsi

Oltre ad una dieta sana ed equilibrata, per favorire un regolare funzionamento intestinale, è importante:
  • consumare una colazione abbondante e bilanciata;
  • praticare regolare attività fisica, almeno 30-40 minuti al giorno, preferendo camminate, jogging, bicicletta e nuoto. Oltre a migliorare l’umore e in generale ad ottimizzare tutte le funzioni del corpo, la stitichezza peggiora con uno stile di vita sedentario!
  • mangiare ad orari regolari evitando di saltare i pasti, masticare lentamente e non appesantire l’intestino con pasti troppo abbondanti;
  • introdurre nell'arco della giornata cinque porzioni al giorno tra frutta e verdura;
  • assumere una tisana prima di dormire può essere un rimedio naturale alla stitichezza.
N.B. Le informazioni contenute nell’articolo sono di carattere generale e non sostituiscono in nessun caso le indicazioni del proprio medico.
Francesca Maria
♥♥♥
SHARE:

mercoledì 6 novembre 2019

Sofa workout, l'home fitness per i più pigri

Nonostante fitness e divano appaiano come 2 mondi agli antipodi, è giunto il tempo di ricredersi.
E’ arrivato il “sofa workout” (ginnastica da divano), l’home fitness a cui non possono dire di no nemmeno le sofà addicted più convinte.


Sì, avete capito bene. Il nuovo trend del fitness che sta spopolando in tutto il mondo è la ginnastica da divano.
È possibile allenarsi sul divano durante le pause pubblicitarie mentre guardate la tv, per evitare di alzarvi dal divano e di aprire il frigorifero alla ricerca di qualche snack.
Specialmente in questo periodo, può capitare che risulti sempre più difficile uscire per andare in palestra, perché magari si preferisce stare in casa a guardare la tv o a leggere un bel libro.
Insomma amiche, anche il divano può diventare una “palestra”… quindi anche se la pigrizia vi tiene lontane dalla palestra… ora non ci sono proprio più scuse!

Il programma di allenamento “Sofa workout” arriva dal sito Darebee in collaborazione con il blog dedicato alla salute del Servizio Sanitario Nazionale Inglese NHS Choice, dove vari insegnanti ed esperti suggeriscono esercizi ginnici di tonificazione per mantenere in forma il proprio fisico.
I 6 esercizi sono pensati per far lavorare diversi gruppi muscolari: gambe, braccia, spalle e addome.

Sofa workout: ecco i 6 esercizi proposti da Darebee

Si tratta di 6 esercizi tutti molto semplici e assolutamente adatti a chiunque, dai soggetti più allenati ai meno esperti che rendono possibile allenarsi sul divano di casa.
Secondo i suoi ideatori, il programma ha una difficoltà medio-bassa e può essere praticato a vari livelli: livello I che prevede 3 serie, livello II che prevede 4 serie e livello III che prevede 5 serie.
I 6 esercizi prevedono 20 semi squat, 10 sofa dips, 20 climbers, 10 side-to-side sofa walk, 10 sollevamenti delle gambe e 10 movimenti circolari delle gambe sollevate, da fare con almeno 2 minuti di pausa tra uno e l'altro.

1. Half squats


Per rinforzare la muscolatura degli arti inferiori il programma prevede un esercizio di semi squat.
Posizionatevi davanti al divano in posizione eretta con le gambe distese larghezza spalle. Inspirando flettete le ginocchia ed espirando tornate alla posizione iniziale.

2. Sofa dips


Sedetevi sul bordo del divano appoggiando le mani sul bordo.
Portate in avanti il corpo, sollevando le anche e poggiando a terra solo i talloni.
Lentamente abbassatevi verso terra, piegando le ginocchia e distendendo le braccia. 

3. Climbers


Partite nella posizione classica dei piegamenti per le braccia ma appoggiando le mani alla larghezza delle spalle sul cuscino della seduta del divano. Da qui richiamate un ginocchio alla volta al petto.

4. Side-to-side sofa walks


Allungatevi in push-up position (braccia distese) nella posizione prona classica dei piegamenti, ma poggiando le mani sulla seduta del sofà partendo da un’estremità.
Ora spostatevi lateralmente secondo questa sequenza: gamba destra, braccio destro, braccio sinistro, gamba sinistra. Una volta raggiunto il lato opposto del divano, ritornate indietro.

5. Leg raises (sollevamento gambe tese)


E’ un ottimo esercizio per allenare i muscoli addominali.
Ci si siede sul divano con le mani sotto ai glutei e tenendo le gambe leggermente sollevate da terra. Contraendo gli addominali si sollevano le gambe tenendole tese fino a raggiungere l’altezza del vostro mento. Durante questo esercizio si inspira quando le gambe sono distese avanti e si espira durante il movimento. 

6. Raised leg circles


La posizione di partenza di quest’ultimo esercizio è la medesima del precedente, cambia l’esecuzione. Anziché portare in alto le gambe, si effettuano dei movimenti circolari.


Terminate la sessione facendo un po’ di stretching per stendere i muscoli.
La ginnastica da divano è sicuramente un ottimo inizio, ma non può concludersi lì. 
Per considerarla attività fisica, l’impegno deve prendere in considerazione qualcosa di più.

Francesca Maria
♥♥♥
SHARE:
© Breakfast at Tiffany's di Francesca Maria Battilana
Blog Design by pipdig