sabato 7 maggio 2022

La ricetta della torta Jolanda

La torta Jolanda è un dolce casalingo soffice e profumato a forma di corona che deve il suo nome alla Regina Jolanda di Savoia a cui è stato dedicato.
Il dolce ricorda molto la torta paradiso ed è molto nota soprattutto nelle pasticcerie del comasco.

Difficoltà: facile.
Tempo di preparazione: 12 minuti.
Tempo di cottura: 40-45 minuti circa.

Strumenti necessari per la preparazione
  • nr. 1 tortiera circolare a ciambella
  • fruste elettriche o una frusta a mano

Ingredienti necessari

  • 100 grammi di farina 0
  • 225 grammi di fecola di patate
  • 140 grammi di zucchero a velo
  • 270 grammi di burro morbido
  • 60 grammi di zucchero semolato
  • 3 uova medie a temperatura ambiente
  • 50 ml di liquore all'arancia
  • 1 limone non trattato
  • 1 bustina di lievito in polvere per dolci
  • zucchero a velo da spolverizzare

Procedimento per realizzare la torta Jolanda

Accendete il forno e imburrate e infarinate lo stampo a ciambella.
Poi prendete una ciotola e mescolate la fecola di patate con la farina 0 e il lievito in polvere e mettete da parte.
In una seconda ciotola montate per bene il burro morbido con lo zucchero a velo e la buccia del limone grattugiata. Aggiungete poi i 3 tuorli e continuate a lavorare il composto.
A questo punto montate a neve ferma i 3 albumi con lo zucchero semolato e incorporali delicatamente al composto di burro, zucchero e uova.
Infine aggiungete le farine e il liquore all'arancia, sempre mescolando delicatamente.
Versate il composto ottenuto nello stampo precedentemente imburrato e infarinato e mettete la ciambella nel forno caldo a 180°C per circa 40-45 minuti. Valida la prova stecchino.
Al termine della cottura, rimuovete il dolce dal forno e fatelo raffreddare per bene prima di rimuoverlo dallo stampo. 
Se volete spolverizzate con abbondante zucchero a velo.

La torta Jolanda si conserva per 3-4 giorni massimo sotto una campana per dolci o coperta da pellicola trasparente.


Francesca Maria
♥♥♥

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per essere passato di qui.

Pages